Patto NICE Alliance tra i brand più importanti mira a far funzionare le fotocamere intelligenti insieme

Patto NICE Alliance tra i brand più importanti mira a far funzionare le fotocamere intelligenti insieme

10 marzo 2018 0

Patto NICE Alliance tra i brand più importanti mira a far funzionare le fotocamere intelligenti insieme

I migliori Brand di Fotocamere/Telecamere al mondo hanno stretto un patto chiamato ” NICE Alliance ” che significa  “Newtwork of intelligent Camera ecosystem “.

I Brand coinvolti sono: Nikon, Foxconn, Scenera e Wistron che hanno stretto un’alleanza per creare standard che consentano alle telecamere IP e di sorveglianza di collaborare l’una con l’altra.

La NICE Alliance, svelata lunedì, mira a creare un nuovo ecosistema di smart camera, sulla falsariga degli ecosistemi mobili che sono diventati così familiari chiamato con L’acronimo “NICE”. L’idea è di creare un insieme condiviso di standard che consenta alle telecamere di comunicare tra loro e con i servizi nel cloud.

Tali standard potrebbero spingere gli sviluppatori a creare più applicazioni per le fotocamere e incoraggiare più fornitori di servizi a creare negozi nel cloud, provvedendo allo stoccaggio e alla gestione dei dati della fotocamera.

“Le telecamere intelligenti non sono dotate dell’ecosistema degli smartphone”, ha spiegato David Lee, CEO di Scenera .

“Se qualcuno compra una macchina fotografica, non ci sono app standardizzate per questo”.

Migliore condivisione dei dati

Consentendo lo sviluppo di dispositivi compatibili con la massa, Il patto di Alleanza Nice mira a rivitalizzare il mercato delle smart camera, riducendo le barriere all’ingresso per produttori, sviluppatori di applicazioni e fornitori di servizi.

“Le aziende coinvolte hanno l’intelligenza e la statura necessarie per fondere innovazioni tecnologiche e produttive”, ha affermato Charles King, principal analyst di Pund-IT .

“Se fornisce ciò che i suoi membri promettono, NICE potrebbe avere un impatto significativo sui futuri mercati di telecamere intelligenti”.

Uno dei suoi obiettivi è fornire al mercato futuro molta flessibilità e adattabilità che saranno preziosi per tutti gli utenti nell’ecosistema.

AI sulla fotocamera

Gli standard NICE includeranno anche una specifica per le telecamere che catturano immagini basate sulla scena o flussi video contenenti un’abbondanza di informazioni. Le specifiche permetteranno ai dati di essere opportunamente contrassegnati, indicizzati, fatti in miniatura, ricercabili e archiviati in modo sicuro nel cloud, pronti per soluzioni analitiche istantanee.

Gli standard dell’alleanza includeranno anche un’interfaccia di programmazione dell’applicazione che ridurrà la complessità dei dati che entrano nel cloud.

“I consumatori trarranno vantaggio dalle analisi di intelligence artificiale predisposte per il cloud sulle loro telecamere garantendo una sicurezza avanzata e la privacy dei dati”, ha osservato il CTO di Wistron, Donald Hwang.

“I volumi di informazioni sono semplicemente troppo grandi per essere efficacemente scansionati, analizzati, catalogati e protetti da lavoratori umani”, ha spiegato. “L’analisi dei dati di intelligenza artificiale dovrebbe essere utile per pianificare e completare tali attività, garantendo al tempo stesso la sicurezza e la privacy delle informazioni digitali.”

Lo prenderà?

Sebbene la sorveglianza e lo spazio delle telecamere IP siano cresciuti, e la nozione di una piattaforma comune per unificare questo spazio è potenziale, resta da vedere se le compagnie nell’alleanza hanno il potere di farlo accadere. È molto più probabile che provenga da uno dei principali fornitori di piattaforme che si occupano di Internet of Things, come Microsoft o Google.